Derek e il suo sogno

ASPIRANTE CHEF

Derek è un ragazzo come molti, ma fin da quando aveva quattro anni ha un sogno: diventare uno chef. Quando a Natale, da bambino, aiutò la madre a fare i biscotti e si accorse che da semplici elementi poteva ottenere delle pietanze squisite, si appassionò alla cucina . Diversamente dai suoi coetanei che nel tempo libero giocavano a calcio o ascoltavano musica, sperimentava in cucina con la madre.

Un giorno all’età di dodici anni decise di rivelare al padre la sua intenzione di fare un corso di cucina, aspettandosi la sua approvazione. Rimase deluso perché il padre assunse un’ espressione piena di rabbia. Derek gli disse che se il problema era il costo del corso, si sarebbe finanziato da solo con dei soldi che aveva messo da parte, ma il papà arrabbiatissimo sottolineo come lui potesse fare calcio, pugilato o tutto ciò che di solito piaceva ai ragazzi, ma non la cucina.

Il ragazzo triste raccontò tutto alla madre. Lei fu molto comprensiva e gli consigliò di iniziare il corso di cucina, mentre nel frattempo avrebbe discusso la cosa con il marito. Derek così iniziò il corso ed era davvero entusiasta di imparare tutti quei trucchetti che lo portavano più vicino al suo sogno di diventare uno chef professionista.

Un giorno il ragazzo frequentando il corso, doveva svolgere un compito a casa in cui avrebbe dovuto realizzare una semplice torta con pan di spagna alla crema di cioccolato. Quindi procuratosi tutti gli ingredienti, si mise all’opera. Arrivato al punto in cui bisognava lasciar riposare la crema, il padre entrò tutto frettoloso in cucina dicendogli che la mamma aveva bisogno di un aiuto con il bucato.

Dopo essere tornato dalla lavanderia, Derek riprese nella preparazione, determinato a realizzare un vero e proprio capolavoro. Con impegno mise gli strati con la crema, e copri tutto con una glassa fondente. La torta era bellissima e pronta per la degustazione. Il giorno dopo quando arrivò in classe era convinto di prendere il massimo dei voti, ed orgoglioso posò il lavoro sul banco del professore.

Quando ne tagliò un pezzo e la assaggiò, l’insegnante assunse una strana espressione. Chiese a Derek se assaggiasse ciò che cucinava prima di servirlo, poiché la crema era salatissima e probabilmente aveva confuso lo zucchero con il sale. Il ragazzo ci rimase male e si chiese come potesse essere successo. All’improvviso si ricordò che il padre era rimasto per un po’ da solo in cucina con la torta. Così tornato a casa, decise di affrontare il genitore con tutto il coraggio che aveva.

Andò nel salone e con rabbia chiese al padre come avesse potuto sabotarlo, e lo accusò di essere stato molto crudele con lui. Seguirono momenti di silenzio e imbarazzo, finché l’uomo, con molta vergogna in faccia, disse al figlio che gli doveva mostrare qualcosa.
Non lo aveva mai fatto vedere a nessuno, ma tirò fuori un album in cui da ragazzo ballava con un bellissimo abito scintillante.

Gli confessò che adorava ballare ed era anche molto bravo, prendeva lezioni da quando aveva più o meno l’età di Derek e aveva partecipato a numerosi concorsi vincendo anche qualche premio. Un giorno, però, i suoi compagni di scuola scoprirono questa sua passione e, trovando la cosa divertente, iniziarono ad infastidirlo. Secondo loro, ballare era un attività da donne e, pertanto, lo tormentarono al punto da farlo smettere.

Il figlio ora era tutt’altro che arrabbiato, e replicò che i suoi compagni di scuola già sapevano della sua passione e, da quando aveva portato in classe i suoi muffin, pensavano addirittura che fosse una cosa figa. A quel punto il padre rimase disorientato; non faceva altro che aprire e chiudere la bocca per lo stupore.

Derek gli chiese se gli andasse di ballare di nuovo, ma il padre infastidito gli chiese di non dirlo a nessuno, poiché nemmeno la moglie sapeva nulla della cosa; ora l’uomo non aveva più niente contro il fatto che lui frequentasse la scuola di cucina. Il ragazzo però aveva un piano, e il giorno dopo fece una chiacchierata con sua madre, che alla notizia sorrise in modo ironico.

Qualche giorno dopo Derek scoprì che i suoi genitori avevano cominciato a prendere lezioni di tango. Quindi contentissimo preparò una cena per il loro ritorno dalla lezione e si aspettava che fossero davvero eccitati. Quando rincasarono, il padre lo abbracciò e gli sussurrò con fare gioioso “traditore!”; il ragazzo felice gli fece l’occhiolino.

Da questa storia Derek ha imparato che se si ha un sogno, bisogna perseguirlo senza farsi influenzare dalle opinioni degli altri, anche perché quel che ci piace davvero troverà comunque il modo per tornare da noi.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...